“TripAdvisor dà troppo potere al cliente”

“TripAdvisor è pieno, ma pieno di recensioni false, addirittura mi dicono che 66% son false

” Loro dovrebbero controllare ogni recensione e verificare quello che viene scritto, sennò ognuno può scrivere quello che gli pare”

“Ma lo sai che mi hanno raccontato che ci sono email che arrivano tutti giorni alle strutture con offerte per recensioni false?”

NON NE POSSO PI­Ù!

Io in questi commenti sento rabbia, paura, disprezzo… e sopratutto ignoranza. Ormai non chiedo più perché so benissimo la risposta, ma, se dovessi chiedere “e chi di voi gestisce il suo account di tripadvisor?” la risposta è “nessuno“.

Io, tramite l’agenzia di comunicazione web, exout, per cui lavoro, gestisco come minimo 200/300 recensioni  al mese.  Gestiamo tutto l’account tripadvisor per il cliente, non solo le recensioni; scrivere le risposte alle recensioni, modificare/aggiornare le informazioni sulla struttura, gestire eventuali offerte della struttura, postare foto nuove della struttura e monitorare le foto postate dagli utenti, tenere sotto controllo le statische (gratuite) fornite da tripadvisor, controllare i nuovi widget e app che vengono sviluppati (per il sito, facebook ecc) ed altro. Tanta roba.

Questo servizio che offriamo ai nostri clienti non è né truffavantaggio sleale. Noi non gestiamo gli account PER il cliente ma CON il cliente.

Cattura

Che cosa facciamo noi per i clienti …?

  • inseriamo le informazioni sulla struttura
  • inseriamo le foto
  • controlliamo le foto inserite dagli utenti
  • creiamo integrazione con gli altri mezzi di comunicazione aziendale (sito, blog, facebook, twitter)
  • studiamo l’integrazione tra comunicazione digitale e comunicazione tradizionale (ad esempio mettere il logo di tripadvisor sul biglietto da visita)
  • lavoriamo insieme all’azienda sul migliorare la posizione (a Firenze solo con una buona impostazione dell’account possiamo fare un salto di 50/150 posti settore ristorazione nel ranking in tempi brevissimi)
  • gestiamo le risposte alle recensioni rendendole opportunità (legittime) di fornire informazioni sull’azienda e di stabilire una reputazione costante anche in caso di recensione negativa / falsa
  • in alcuni casi addirittura cerchiamo di abbassare le aspettative del cliente, quando le recensioni sono “troppo belle” ed i clienti futuri rischiano di rimanere delusi

Cattura

Quando pensiamo che una recensione sia falsa, lo facciamo capire, senza contestare, senza essere scortesi… cercando anzi di fare bella figura!

Cattura

 

Io NON lavoro per tripadvisor. Io NON amo tripadvisor. In NON ODIO tripadvisor.

Tripadvisor c’è (così come ci sono Yelp / Google+ / Booking). Io devo lavorare per il bene dei miei clienti.

Sfrutto tripadvisor per raggiungere questo obiettivo. E lo faccio bene.

 

 

 

Una vita a Londra - e una vita a Firenze. Contrasti, sovrapposizioni, confusione, armonia, conflitto, accordo .... è tutto quanto dentro di me!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *